notizie, media e reazioni a catena

così ieri ho provato inutilmente a salvare @Ginzo, e la proprietà intellettuale del suo #webete, inviando il mio breve pezzo a gente che conosco, giornalisti purtroppo così analfabeti da rispondermi con una emoticon. la notizia è evidentemente già così vecchia che neppure Mentana stamattina ricorda più di cosa si tratti https://bibolottymoments.wordpress.com/2016/08/30/webete-da-sola-in-difesa-di-ginzo/

siamo destinati all’estinzione. andiamo rapidi, tanto veloci quanto il naturale ciclo di implosione dell’intera galassia. anche l’amore si consuma in fretta, lo vediamo da noi. i libri durano una stagione, personaggi televisivi e cantanti, VIP e pornostar anche. meno i conduttori radiotelevisivi, anzi, giacché avremo Baudo quest’anno a Domenica in.

ma la notizia strabiliante è questa, ossia che dal 1968, anno in cui Romain Gary scriveva “Cane Bianco”, nulla è cambiato. e se non siete riuscite a leggere queste poche righe, vi prego di rifletterci, perché noi generazione social siamo esseri traumatizzati dai media: “Viviamo in un’epoca di straordinario contagio psicologico. Basta che un tizio ammazzi Martin Luther King qui perché a Berlino un “contaminato” cerchi immediatamente di far fuori un leader degli studenti tedeschi. Bisognerebbe fare uno studio approfondito sugli individui traumatizzati dai mass media che vivono di atmosfere drammatiche, le intensificano e le sfruttano, facendo nascere un bisogno continuo di avvenimenti spettacolari. E bisogna dire che il vuoto spirituale è tale , all’Ovest come all’Est, che l’avvenimento drammatico, L’happening, è diventato un autentico bisogno. E da un happening all’altro, si innesca una reazione a catena“.

#webete, da sola in difesa di @Ginzo

un giorno succederà che nulla di ciò che diremo o digiteremo, noi base, massa, popolo, webeti, sarà ritenuto di nostra proprietà intellettuale. ha più importanza “chi dice cosa, piuttosto che cosa dice chi”. sono i personaggi, le tweetstar, le bocche rifatte che pronunciano quella certa frase ad avere risonanza sugli ormai inutili quotidiani, sui notiziari, negli approfondimenti televisivi, chi l’ha pronunciata per primo non ha importanza, probabilmente è morto. che sia Brecht o Pirandello fa lo stesso, purché la frase funzioni, come il famoso aforisma: ci sedemmo dalla parte del torto… che ora appartiene a un tale “anonimo”. perché il web mangia, digerisce e caga.

a nessuno importa del copyright, sia che non arrivino a leggerti sia che lo facciano, perché il potere sta proprio nella possibilità di ignorare i piccoli, le decine di autori in erba che  lanciano tra i pixel le proprie idee. il potere è dalla parte di chi non ha fantasia e fa incetta di genialità altrui. e non ti ascoltano nemmeno se li menzioni, come ho fatto ieri e feci tempo fa, raccontando lo strano caso di Romain Gary, Gramellini, e i suoi numerosi autori, e che racconto qui https://bibolottymoments.wordpress.com/2016/01/25/coincidenze-di-pensiero-gramellini-gary/?iframe=true&preview=true

così per il neologismo #webete (ecco che ieri il popolo di webeti ha imparato una nuova parola, neologismo, ovviamente), che mi sembrava infatti troppo delicato, privo dell’imperante anglicismo (COUGAR, MILF, eccetera) perché fosse coniato nel 2016, nel 2.0, regno delle banalità degli amori leggeri, del sesso in ufficio raccontato on line e delle notizie false. ma bastava che i giornalisti de “Il Fatto” o “La Repubblica”, o qualunque delle numerose testate che non avendo di meglio da fare, per esempio un approfondimento sul problema della chiusura dei centri antiviolenza, digitasse WEBETE, per scoprire che il termine fu coniato nello splendido mondo del web 1.0 e dell’incrollabile NETIQUETTE (etichetta della Rete un tempo sacra),  da tale @Ginzo e non da Chicco Mentana. è scritto qui, http://xmau.com/gergo/w.html

Crusca o non Crusca, questo secolo telematico manca di curiosità e vive sulle nostre macerie nutrendosi dei nostri avanzi, quelli che abbiamo lasciato nel secolo passato. non so chi sia @Ginzo ma non importa, è una questione di principio: il termine è suo, lo ha coniato lui, non di Mentana, e non basta dire che “forse il termine lo usava qualcun altro prima di lui”, è scritto, provate a dare una notizia vera di tanto in tanto.  il vero inventore di questo neologismo tenerissimo, fusione di ebete e web, arriva dai tempi dei modem rumorosi che ci lanciavano nello spazio infinito, lasciandoci immaginare un mondo migliore. sicuramente più giusto. sicuramente con meno webeti.