perché XFactor è diseducativo

ho diretto una scuola di musica per anni, forse la più popolare dopo il CPM di Paolo Mussida, e a causa di essa, per amore della musica e di chi ci lavorava, ho investito tutto ciò che possedevo. sorvolo su anticamere e inciuci politically correct non andati a buon fine perché troppo “correct”, o su quanti mi abbiano abbandonata dopo il fallimento. ciò che conta oggi è che sono felice di aver fatto qualcosa per il Jazz e che grazie al Jazz abbia conosciuto Maestri come Franco Cerri, Carl Anderson, Terry Bozzio, George Benson, John Petrucci e altri. alla ricerca di un modo per sbarcare il lunario nello scintillante mondo dell’editoria, la mia unica consolazione è sapere dei tanti miei ex studenti sono oggi ottimi professionisti. ma quando sostengo che XFactor è un programma diseducativo e pericoloso, mi si banna con insulto. perché l’esperienza personale non conta per il populista social.  per l’analfabeta funzionale la conditio sine qua non per poter aprire bocca è la celebrità, non l’esperienza decennale tra spartiti, esami e programmi didattici.

sono anni che sostengo quanto XFactor sia un programma diseducativo, al limite dell’osceno. e non sono bastate le denunce di ex partecipanti buttati al cesso dopo poche stagioni e dimenticati: perché ci vuole ricambio, perché il programma deve andare avanti. ma ieri sera, finalmente, ho avuto la prova di ciò che da 11 anni sostengo guardando la serata di debutto del Talent inglese “Guitar Talent“, capitanato da George Benson, Tony Visconti e Miloš Karadaglic. e mi vien da ridere pensando ai nostri giudici. e vi prego, non mi paragonate Fedez o Agnelli a George Benson.

la costruzione del Talent è al servizio della musica e non del copione lacrimevole da prima serata per casalinghe. nel Talent inglese arrivano sul palco soltanto ottimi musicisti preselezionati, non personaggi insulsi che giuria e pubblico possono divertirsi a prendere per il  culo. i giudizi sono dati quando il concorrente è sceso dal palco, non mentre sta lì in piedi, sotto gli occhi di tutti. dei concorrenti non sappiano nulla, non c’è la mamma ad accompagnarli, la voce fuori campo non racconta vita morte e miracoli per sollecitare commozione: che c’entra l’esistenza del giovane immigrato con il suo talento?, perché la ragazza bullizzata deve passare il turno in quanto “passionale” e quella invece dalla tecnica strabiliante no? sono questi trucchi meschini a distruggere il senso dell’arte e della musica, che richiede talento ma soprattutto cultura, tecnica e precisione.

XFactor chiede “storie da raccontare”, manco gli scaffali delle librerie ne fossero sforniti. Guitar Talent se ne frega delle esistenze fragili dei suoi concorrenti, il produttore di Bowie cerca chitarristi sicuri e talentuosi, non border line da salvare.

In libreria dal 28 settembre “Conversazioni Sentimentali in Metropolitana” Castelvecchi Editore.

Annunci

siete voi che non piacete al #Jazz

spesso penso che sui social dovrei avere meno amici artisti e più gente comune, che non abbia alcuna velleità creativa. poi, mi capita la discussione tipo, e l’ho proprio copiaincollata qui, commentandola, per offrirla a voi in tutta la sua profondità.

premetto che  non c’è nulla di male a non amare un genere musicale. dico però che prima di fare pubbliche esternazioni, e dare giudizi assoluti, quindi non più personali, sarebbe proficuo informarsi.

lui, tronfio, sul proprio status di Facebook: Io la musica jazz non la capirò mai. Non è armoniosa, non ha senso. quindi mi viene da pensare che  il “popolo di pancia” desideri anche capire la musica, che notoriamente andrebbe fatta passare dalle vene direttamente al cuore. o che “il popolo di pancia”, che ama ogni cosa per istinto, prenda ogni tanto lucciole per lanterne.

ma entriamo nel dettaglio: “Non è armoniosa, non ha senso“. e quando mai l’armonia è legata al senso?, e chissà poi se intendevi armonia: ossia consonanza di suoni, o melodia, quindi successione di suoni e ritmo. ma non è importante, perché è proprio dell’ignorante, ossia di colui che ignora, trattare la materia con pressapochismo: quindi giunge l’amica, che di rinforzo, risponde: (cucù…) anche a me non piace, non sono un’intenditrice e la concepisco come un’accozzaglia disordinata di suoni.

Note in liberta’ : replica ancora  il critico, infilandoci una quindicina di punti di sospensione, perfette stilettate al mio cuore di correttrice di bozze e a quello di jazzofila, che quando ascolta tre note già balla. perché il jazz si balla, anche.
ecco. ma quale Jazz ascolti?, di che cosa stai parlando? gli rispondo con la compassione tipica di chi vorrebbe regalare un po’ di bello a tutti. e proseguo: il Jazz  può non piacere a chi non lo conosce. E comunque basterebbe vedere un Musical con Astaire, per sentire l’armonia, almeno, Fred e Ginger la sentivano. Se poi ti riferisci al Free al Cool, allo sperimentalismo, allora è un’altra storia, è un’evoluzione, è ricerca, ma il Jazz è anche ballad, e le ballad, si ballano.

allora l’esperto rilancia, categorico, dopo averci pensato su stanotte: Io amo la musica, e mi interesso tutti i generi, ma il jazz non riesce a trasmettermi nessun tipo di vibrazione. Mi dà la stessa sensazione che potrebbe darmi un bambino che suona le pentole.

100 anni di musica e li conosci tutti? bravo, complimenti, spero tu non viva la tua esistenza con la stessa superficialità con la quale scegli i vocaboli, perché al massimo, un bimbo, con le pentole fa chiasso, non suona. non credo sia il #Jazz a non piacere a voi, ma siete voi che non piacete al #Jazz. 

dal 28, in libreria ma già in prenotazione: Conversazioni Sentimentali in Metropolitana, Castelvecchi Editore. il mio nuovo romanzo. 

solisti

ieri ero al concerto di Fabrizio Bosso, nella favolosa cornice di Palazzo Venezia, sotto una luna velata di umidità, tra plotoni di zanzare. seduta alle mie spalle una coppia che mi ha deliziato per circa mezzora. non mi sono mai voltata a guardarli. amo immaginare l’espressione da cui provengono certe banalità. erano due come io non sarò mai, neppure lavorandoci sopra, e che si sono raccontati anche ciò che non hanno visto, letto o ascoltato, che vanno dietro a ciò che si dice in giro e non sanno distinguere un quadro da un poster. ogni frase dava all’altro l’input ad alzare la posta, una gara a chi ne sapeva di più. e in poco più di trenta minuti siamo andati dallo “ius soli” allo Strega passando per vaccini, economia, Ciabatti, vacanze e Renzi.

i due usavano la cautela del primo appuntamento. stesso ambiente, stessa cerchia di amici. mi sono domandata come potesse essere il primo bacio tra due così, intrappolati nelle loro certezze, in un odore che sembrava lo stesso per entrambi: antizanzara e nicotina. e chissà se anche per persone dall’agenda così fitta di mondanità a poco prezzo esista un baratro, e se sia più piccolo del mio, di diametro minore così come di profondità.

quando è iniziato il concerto hanno smesso di parlare. forse hanno incrociato le braccia sul petto per impedirsi di toccarsi furiosamente, ma non credo, forse, come me hanno iniziato a stare nella musica. al termine del primo incredibile “assolo” di Fabrizio hanno applaudito, fischiato, urlato, erano caldi come la notte romana, già bollenti di entusiasmo. poi, quando l’orchestra ha completato il pezzo, tra virtuosismi e micro espressioni musicali, i due hanno ripreso a parlare.

perché il mondo è pieno di gente che applaude soltanto i solisti.

da parte mia un grande applauso a Paolo Silvestri, direttore e arrangiatore, alla splendida orchestra (il Man tra loro) e a Fabrizio Bosso, che, tutti assieme, hanno contribuito a farmi passare l’emicrania.

se ti conosco ti vedo

per amore della musica ho perso un attico in via Leonina di 120 mq con terrazza, a Roma, nei pressi del Colosseo. chi mi conosce lo sa. che in prime nozze mi sia unita a un megalomane che ha reso vano ogni mio tentativo di nobilitare, nel mio piccolo, la musica jazz in Italia, è un problema secondario. che non mi abbia mai letta in tanti anni ed io possa scrivere di lui ciò che voglio, è per me un risarcimento.

ma parliamo di musica e della responsabilità che un po’ è anche vostra, perché non ci sono soltanto i figli di Maria de Filippi a fare musica di merda per voi. perché mentre gli artistoidi senza voce né talento o capacità di lettura a prima vista, ma soltanto visibilità, salivano in ciabatte sul prestigioso palco del 1° maggio per fare le prove del concerto che vi avrebbe ammorbato la giornata, (leggo critiche asperrime a tal proposito), alla fine di via del Corso, esattamente in via dei Greci, presso il Conservatorio di Santa Cecilia di Roma, quindici trombonisti al di sotto dei 25 anni, (il trombone, vi raccomando, non è il basso tuba, fate sempre lo stesso errore), salivano sul palco dell’Auditorium per accompagnare Marcello Rosa. quest’ultimo, per dire come è bizzarro il mondo, trombonista ormai ottantenne di fama tra gli extracolti, ma completamente ignorato in gioventù dalla televisione che invece sceglieva Arbore, chiamato dagli addetti ai lavori il maestro dello zum pà pà ed eletto comunque Presidente onorario della Casa del Jazz, un paio di anni fa, per motivi a mio avviso assai oscuri.

il problema non sono soltanto i figli di Maria, ma voi ascoltatori incolti, che non andate a sentire chi non conoscete, così come leggete soltanto libri in classifica. muovete il culo ogni tanto e leggete i programmi del teatro Garbatella, per esempio, da pochi anni realtà della capitale straordinariamente fuori dagli schemi, o dell’Auditorium, o dei centri sociali tanto contrastati dalla politica capitolina. perché oltre i figli di Maria che vivono poco come le falene, ci sono bambini che a cinque anni ascoltano Ellington e decidono di prendere lezioni di trombone jazz.

qui la pagina della New Talent Jazz Orchestra orchestra giovanile di grande raffinatezza

qui il mio ultimo romanzo

stasera c’è tanto Jazz

è difficilissimo schiodarmi da casa, soprattutto se ha piovuto tanto, ho il frigo pieno e sono alla stesura dell’ultimo capitolo. ma per Massimo si può fare, lui è stato il più grande, come spiego qui a chi se lo fosse perso http://bibolotty.blogspot.it/search?q=Il+jazz+l%27ho+conosciuto , e in ricordo di lui c’è una rassegna a Monte Mario, anche stasera domenica 11 settembre, una tre giorni di grande JAZZ organizzata con tutto l’amore del mondo, e grazie al cielo anche con un finanziamento pubblico. qui il comunicato http://www.vignaclarablog.it/2016090864082/ricordando-massimo-urbani-festival-jazz-monte-mario/).

per cui si va, le gatte si son consegnate spontaneamente e già dormono. certo, non potrò indossare i sandali nuovi perché il cielo è tutto grigio, e poi il Man mi intima di prepararmi che sono appena le cinque, perché lui, giustamente, deve arrivare presto. oggi me la sento giusta. ascolto jazz da quando approdai qui a Roma per studiare alla Silvio d’Amico, spinta dalla mia amica Lavinia dalle grandi tette, negli anni ’80, quando tra noi ragazze perdute si diceva che i maschi veri li trovavi soltanto nel buio dei Jazz Club.

oggi di Jazz Club ce ne sono sempre meno, e stasera infatti siamo a Monte Mario, zona Santa Maria della pietà, che chissà se il Comune si degnerà mai di assegnare a chi ne possa fare qualcosa di utile, come avrei fatto io con l’Università della Musica e l’enorme finanziamento milanese che, i passacarte del Comune di Roma, 10 anni fa, nemmeno presero in considerazione. il Jazz riapre in me ferite che sanguinano ancora tanto. succede ogni volta così, e il Man, che è comprensivo, mi dà un buffetto sulla guancia e un bacio: dai lascia perdere, dai, ora hai la scrittura.

sì, è vero, e resta anche tutto il bello del jazz, gli ex studenti dell’UM che quando mi vedono mi fanno le feste, gli amici, e stasera ce ne sono tanti, perché il ricordo di Massimo e dei tempi del Music Inn unisce proprio tutti, c’è anche Nicola Puglielli che non vedo credo da 15 anni. e sul palco c’è veramente molto bel Jazz romano, tutto quello che conta sul serio, e pubblico, tanto, tra addetti ai lavori e gente del quartiere, e ci sono anche le Apette di Street Food e i bagni chimici. anche se questo è un parcheggio c’è veramente tutto ciò che serve, anche la macchina due passi.

i Corvini Bros (il Man e suo fratello Claudio), sono chiamati sul palco da Mauro Verrone (che dio come suona bene), Maurizio Urbani prova il suono, e il suo è sempre una bella certezza per tutti noi, al contrabbasso Massimo Moriconi (sì, sì, quello di Mina ma mica solo quello), Gianpaolo Ascolese, vestito etnico, accarezza la batteria, Ettore Gentile, che tira, ammazza quanto tira. e poi Roberto Gatto, e Toni Formichella, Francesco Puglisi, Biseo, Faraò, Rosciglione, Ghigliordini. c’è così  tanto bel jazz che non respiro più.

e a voi non so chi ve la fa fare a stare in casa con tutto il Jazz che c’è qui a Monte Mario.