a proposito di ban

 

è vero, mi sono sfuggiti di mano parecchi ban. per i neofiti e i distratti si tratta dell’atto di “bannare”, ossia iscrivere il profilo di Tizio a una lista di indesiderati che non potranno più vedere la mia pagina né io la loro. da ragazza ebbi alcuni amanti fascisti, ma fasci proprio tanto, di fede, carattere e DNA (i compagni avevano più remore a stare con una minorenne). assieme si parlava di tutto fuorché di politica, anche quando andavamo a cena fuori (hemmm); non era necessario per quegli uomini, seppure assai più vecchi di me, convincermi che la loro idea fosse più giusta della mia.

non ritengo che la sincerità sia indispensabile verso chi non conosco, né che si trovi nel disvelamento pubblico di sé , problemi digestivi e temperatura corporea compresi; odio chiacchierare intimamente in chat con gente nascosta da nickname, l’ho fatto ed è stato per lo più tempo perso, preferisco il telefono o un caffè in centro; non mi fido degli sconosciuti, con i quali però ho sempre un atteggiamento cortese;  non dobbiamo pensarla tutti allo stesso modo; ecco, è da ottusi, stupidi e maleducati, intervenire laddove è richiesto di non farlo; da cafoni entrare a gamba tesa in una discussione se non hai mai interloquito con me, se io non so chi tu sia. il fatto che la mia casa sia aperta, nel senso che non ho filtri, non significa che puoi cagarci dentro. i social non sono fatti per divertirsi, ovvio, conoscere nuove persone, e fornire punti di vista. la discussione da botta e risposta è per lo più fraintesa. la parola scritta non consente la stessa libertà di una conversazione sul divano davanti a biscotti e tè.

su FB è ormai impossibile esprimere un’opinione politica. essere anti renziani è una chimera, con diecimila profili fake che punzecchiano chiunque si permetta di dissentire, come non si può farlo contro Grillo, che la mandria di belanti arriva a darmi della: disonesta, reazionaria e arrogante e senza fornirmi spiegazioni che non siano spot elettorali.

e ciò che più mi spaventa è che la strada per il Referendum è lunga.

#iovotoNO