#Conversazioni Sentimentali

Paola mi ha scritto poco fa, su Twitter, per dirmi che il 3 ottobre le arriverà a casa il mio nuovo romanzo, Conversazioni Sentimentali in Metropolitana, il terzo, e nonostante per Amazon risulti in uscita nel lontano 2030.

sono emozionata perché la figura di merda è sempre possibile e io, da attrice, amo l’imprevisto; perché, senza nulla togliere a Francesco Bogliari e Cristiano Marti, anzi editori eroici che hanno deciso di sponsorizzare le mie pagine più dissacranti, (senza contributo spese e pagandomi pure), questo romanzo nasce per Castelvecchi, una casa editrice cui sono idealmente affezionata; perché avrà una distribuzione massiccia e capillare; perché è una storia ripulita da contenuti hot ma non dal punto di vista ideologico; perché parla ancora una volta di Roma, come Justine 2.0 e Pioggia Dorata, ma stavolta vista e vissuta in sotterranea, nel caos che permette soltanto comunicazioni frammentarie come il web; sono emozionata perché affronto uno stile nuovo, più appropriato alla bella Lara, altra eroina della mia storia. sono emozionata perché pubblicare, oggi, è per lo più una perdita di tempo e di soldi, contando le presentazioni che nessuno mi rimborsa, e l’unica gioia che mi resta è veicolare contenuti, parole che credo importanti, idee per le quali, da combattente, darei anche la vita.

Lara vi prenderà per mano, e vi garantisco che ha mani morbidissime, per condurvi a spasso per i centri commerciali della capitale, in un mondo di fidanzati spacciatori, gloss alla frutta e profumi cinesi. ascoltatela, e provate a mettervi nei suoi panni.

già ordinabile in tutte le librerie: Conversazioni Sentimentali in Metropolitana, Castelvecchi Editore.