mio nonno era fascista

alcuni fecero a tempo a nascondere il fez e la camicia nera, molti altri invece no. tantissimi non erano lassù in montagna (oh Bella ciao), ma sotto il balcone, in Piazza, ad applaudire il Duce pieni d’entusiasmo. alcuni abbandonarono prima, è vero, ma molti di più, invece, furono delatori e collaborazionisti fino alla fine, felici di fare quattrini con la borsa nera, con la compravendita di appartamenti abbandonati dalle famiglie in fuga, di occupare i posti liberi lasciati dagli ebrei deportati: primari d’ospedale, professori universitari, scrittori, intellettuali. tanti lo piansero. e lo piangono ancora.

mio nonno era fascista, e probabilmente anche il tuo.

mio nonno era fascista, e oggi io scendo in Piazza anche per lui.

qui il mio ultimo romanzo Castelvecchi

qui i miei racconti erotici

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...