oggi è la giornata mondiale del libro

un’immagine apocalittica quella che mi viene in mente quando penso alla Giornata Mondiale del Libro, un girone dantesco per scrittori emergenti, mezzo emersi, emersi del tutto e dimenticati; e quelli noti, vilipesi dai meno noti soltanto perché noti, quelli celebri, che in definitiva non servono più neppure come pietra di paragone dacché abbiamo la tecnica, abbiamo i coach, abbiamo i manuali.

in un futuro non così lontano ognuno avrà scritto almeno un libro mediocre. negli anni, avremo compiuto una inutile deforestazione, quella del senso stesso della letteratura. ognuno pensa di aver scritto un capolavoro, ognuno è maestro, ognuno, per quanto distante dalla buona sintassi è editor, agente, guida.

ognuno, per quanto misero e infelice, con royalty al 5% sul ricavato del libro (al netto IVA, spese di distribuzione, percentuale del negoziante e dell’editore), sarà la forchetta nella zuppa di un altro, più infelice, più misero di lui perché non ha trovato neppure una pubblicazione a pagamento.

i brutti libri non sono il risultato soltanto di cattive letture, ma anche di una mancanza di talento endemica di cui prima o poi si deve prendere atto.

qui il mio ultimo romanzo Castelvecchi

qui i miei racconti erotici

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...