metodo Montessori

nel mio lavoro di approfondimento storico per  Proibito ’50, antologia di 9 racconti sulle parafilie nel dopoguerra (in uscita non so ancora per chi e se o quando), mi sono imbattuta nella Professoressa in medicina e pedagogia Maria Montessori e nei suoi rapporti con  il fascismo.

inizialmente, Maria Montessori e Mussolini andarono perfettamente d’accordo. il Metodo era particolarmente apprezzato all’estero, e si sa quanto “testina secca” fosse in definitiva un provinciale con la genialità del grande comunicatore, ecco perché lo sviluppo dell’Opera Montessori ebbe una forte spinta. viceversa, la maggior parte delle biografie ci raccontano di una fuga di Maria all’estero, a causa dei rapporti tesi con il regime, e di un suo ritorno dopo la Liberazione. ma la storia, i diversi documenti ora resi consultabili da chiunque anche presso l’archivio dell’Istituto Luce, ci mostra altro, ossia un Mussolini particolarmente affascinato da quel Metodo che consentiva ai bambini di 3 anni di imparare a leggere, una crescita auspicata per i giovani Balilla dell’Italia analfabeta, e di un partito tutto a favore della nuova scuola, grazie anche alle intercessioni del figlio legittimo di Maria e sebbene il Metodo avesse come fulcro pedagogico la libera scelta del bambino.

la loro cooperazione portò alla trasformazione dell’Opera Montessori in Istituto morale, e fu uno dei primi regali che il Duce fece alla pedagoga ormai famosa in tutta Europa, contemporaneamente, furono fondate scuole di formazione al metodo per i docenti e diverse Case per bambini, come sul Lungotevere di Testaccio e in via dei Marsi a San Lorenzo. i problemi iniziarono nel ’35, quando la politica di Benito si fece colonialista, quando la “possibilità di scelta” di un bambino non era più presa in considerazione e la propaganda politica era tutta volta all’esaltazione dell’italiano ariano eroe di guerra. Fu, infatti, Giuliana Segre, una delle assistenti della Montessori a dare il primo colpo di grazia a un sodalizio difficile ormai di portare avanti.

qui Conversazioni Sentimentali in metropolitana (Castelvecchi 2017)

qui lo scandaloso Pioggia Dorata (GiaZira 2015, cui domandare anche Justine 2.0, INK Edizioni)

il 2 novembre, invece, potrete leggermi in anteprima su questa nuova PAUROSISSIMA Antologia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...