Le conversazioni, la metro, eccetera

Ringrazio Stefano che ha letto questo libro con il cuore.

pensierosecondario

Capita di leggere libri di conoscenti social. Lo si fa per amicizia, appunto, ma anche per curiosità, per misurarsi un po’ più a fondo, per confrontarsi le sfaccettature. Sono letture, in genere, amichevoli.

Leggere Conversazioni sentimentali in metropolitana (Castelvecchi) di Elena Bibolotti è stato invece una specie di colpo al cuore prolungato. Tanto che, a fine lettura, mi è rimasto – come dire? – tra le dita uno stupore. Una domanda. Questa: com’è possibile che di questo libro, in questi giorni di prevaricazione di genere assurta a questione cruciale (finalmente), si sia parlato così poco? Di questo libro così potente, così asciutto e crudo? E scritto pure bene?

Mistero. O forse no. Solo il mistero buffo del “così vanno le cose, così devono andare”.

Perciò, ho sentito di doverla scrivere, una recensione. Per fare qualcosa, nel mio (molto) piccolo. Ecccola.

conversazionisentimentali

Carola è una circa quarantenne che indossa una scorza agile…

View original post 591 altre parole

Annunci

3 pensieri su “Le conversazioni, la metro, eccetera

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...