argomento top(a) della settimana

chissà perché sul “darla non darla” abbiamo da dire molto più che sulle stragi. ma quanta retorica, ragazze mie. donne che si elevano, si abbassano, solidarizzano, condannano, perdonano. e allora mi unisco anch’io al coro, io che scrivo di autonomia e di femminismo da anni ma che sono apprezzata più che altro dagli uomini, perché ho il coraggio di fare autocritica, e con le femministe invece litigo ogni giorno, perché non amo ragionare per schemi e odio le bandiere, perché mi accorgo sempre più spesso che, dietro una femminista che non ha dubbi, c’è il più delle volte una stronza misogina e poco solidale, e l’elenco di nomi sarebbe lungo e pieno di sorprese.

quanta solidarietà femminile a parole. soprattutto per un po’ di consensi. ma vi vorrei vedere così ben disposte anche con l’amica che non ha lavoro, con la diciottenne che trovate a letto con vostro marito, con la collega scrittrice più talentuosa di voi ma senza le vostre amicizie, con la bellissima che potreste, sì potreste pubblicizzare ma cazzarola è pure intelligente allora meglio di no. conosco molte donne che non l’hanno data al produttore ma al marito: deputato, giornalista, avvocato, professore universitario. conosco donne che l’hanno data senza successo ma non hanno nemmeno rimpianti, altre che l’hanno tenuta per sé e ora piangono, altre lo hanno fatto per lavoro, a venti, trenta, quarant’anni, anche quando non erano confuse. a volte si è costrette, altre volte è soltanto la via più comoda, e anche negarlo è ipocrita.
sulle dinamiche nessuno deve mettere bocca: si fa anche se non piace perché a volte è l’unica via. ma si fa anche a testa alta e anche se non è l’unica via. in entrambi i casi il nocciolo del problema è che a darla (e a prenderle), godendo o piangendo, siamo sempre e soltanto noi.

dal 28 settembre, in libreria “Conversazioni sentimentali in Metropolitana“, Castelvecchi Editore.

Annunci

5 pensieri su “argomento top(a) della settimana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...