Sindrome della vagina morta

se gugolate un secondo  qui, potete già farvi un’idea (spero), se vi piace la fuffa, continuate a leggere.

i titoli sensazionalistici sono all’incirca tutti di questo tenore: il mio matrimonio finito a causa della vagina morta!; arriva anche in Italia la Sindrome della vagina morta!; Sindrome della vagina morta: problema fisico o mentale?

la sensazionale scoperta, fatta da nota attrice (che giuro non conoscevo), tale Olivia Wilde, e che evidentemente cercava un modo alternativo al talento per farsi notare, trovò il coraggio di raccontare, era il 2013: “sento la mia vagina morta, spenta, apatica“. in seguito, sempre secondo le testate che ingolfano il web di fuffa: “tutte sul web (chi?, quando?, perché?), hanno cercato di capire se si trattasse di un problema reale, di una patologia vera e propria o di un semplice calo di libido”.
lo stesso fecero i ricercatori, (quali ancora una volta non si sa, che sono come le commissioni letterarie, ossia innominabili) i quali però non capivano se si trattasse di un problema scientifico finché la neuroscienziata Nicole Prouse (gugolata, esiste, ed è bionda), dopo aver provato su di sé alcuni sex toys ha dichiarato: “Quello che eventualmente possono notare le donne, è che se durante lo stesso rapporto sessuale passano da una stimolazione più alta a una più bassa, questa non sarà efficace come la prima”.

in poche parole, ma questo me lo diceva anche suor Agnese al catechismo, se stai lì tutto il giorno a giocare da sola, o con l’amica del cuore, e usi “cannoli extralarge”, per dirla alla Bridget Jones, rischi, quando l’omo torna a casa in cerca di affetto, di sentire poco e niente. è ovvio che il gioco fa meglio di lui. se ne usi tanti, poi, è come farsi una banda di marinai scalmanati tutto il giorno, che poco possono, in effetti, contro il marito stanco.
ma la soluzione c’è, (e ne avevamo proprio bisogno!, fiuuu…), è sufficiente ravanare laggiù un bel po’ prima che lui torni a casa perché l’effetto orgasmo multiplo finisca, e l’effetto vagina “apatica” risolto.

un sospiro di sollievo per quelle che quando vengono sulle proprie dita pensano: chi fa da sé fa per tre, faccio prima a farlo che a dirlo, non c’è miglior amante che me stessa.

Annunci

2 pensieri su “Sindrome della vagina morta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...