storie sporche

poco tempo fa, alcune settimane fa per l’esattezza, il libro “Porn to be alive“, (ah, tra l’altro lo trovate alla Fiera del libro a Roma in questi giorni), è stato oscurato su Amazon per contenuti “pornografici“.
credo che la raccolta di racconti pubblicata da 80144 edizioni, dove compare anche il mio “Il pusher“, scusa erotica per parlare della liberalizzazione della cannabis, finita oggi, dicembre 2016, di nuovo nel dimenticatoio, credo che la raccolta non contenga nulla di pornografico o offensivo, ma non penso che gli americani non sappiano cosa sia il buon gusto.
benché ci sia gente, in Italia, che crede faccia figo prenderli a esempio, vedi il nostro ex Premier, che nonostante uno stuolo di Spin Doctor (o proprio perciò) è stato in grado di stare sul cazzo agli italiani in pochissimi mesi, laddove il Berlusca ci ha messo vent’anni.
ma fate come volete.
il cattivo gusto è vostro.
evviva l’America.
siete così influenzabili da riuscire a mangiare marshmellow, roba che nemmeno la mia gatta in crisi ipoglicemica, o a guardare XFactor anziché andare a teatro.

così, ieri, il Man non c’era, ho guardato uno di quei loro programmi di finte storie vere. perché tutto in America è pieno di conservanti e coloranti, tranne poca ottima letteratura.
era uno di quei “real qualcosa ” sulla gelosia, tipo “amore infedele” o “amore bugiardo” tanto son tutti uguali.
e la pornografia non era tanto nella Prof di psicologia, ovviamente madre, giovane e bella, che si “scopava” le studentesse promuovendole a pieni voti, o nel suo reggiseno a balconcino o nella banalità della storia, quanto nella bidimensionalità dei personaggi, nel piattume narrativo, nella mancanza di cuore e di un passato: la ragazzina va a cena a casa del nuovo boy friend e si accorge di essersi già fatta il suo fratellastro. il fratellastro ovviamente le dà della “troia”, perché “farsi” chi si vuole è ancora una roba da troie, così come fumare un po’ d’erba la sera è roba da tossici, ma infine scopre che la biondina “si fa” anche sua madre, appunto, la prof.

per me la pornografia sta nel luogo comune e nel pettegolezzo.
la pornografia è azione senza pensiero.
ma vai a farglielo capire a chi nega l’effetto serra.

(la mia ultima pubblicazione: http://www.giazira.it/it/sezione/articoli/49/pioggia-dorata.htm)

Annunci

14 pensieri su “storie sporche

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...