libertà a intermittenza

siamo quelli che mostrano culi e tette in bacheca perché iBBeri di farlo, ma che a parlare di #pissing ci viene da ridere; che urliamo e strepitiamo e organizziamo sommosse popolari per la difesa dei Diritti umani, e perché nostra moglie possa indossare con serenità il perizoma e avere figli a settant’anni, e ci scandalizziamo per il burqa e gridiamo contro il negro che ci ruBBa il lavoro. penso che, prima di indignarsi, molti facciano un giro in TL per capire come butta il vento. perché alcuni non sanno proprio di cosa si parla, forse non sanno neppure dove si trova con esattezza la Francia.

il bello è che: “hanno ingigantito così tanto la faccenda che al nostro giornale è arrivata la notizia soltanto venerdì” dichiara in una intervista telefonica una giornalista della testata satirica Charlie Hebdo, la stessa che l’italiano aveva difeso dopo l’attacco terroristico, la stessa in difesa della quale era sceso in Piazza e aveva urlato “libertà, libertà” e che da giorni, lo stesso cittadino medio (compreso il nostro capo del Senato), ha lapidato e condannato.

io all’epoca non mi schierai, non misi foto né mi diedi pugni in petto. ragiono a lungo prima di decidere se schierarmi e con chi, perché la maggior parte delle volte credo che la verità sia nel mezzo. e odio con tutta me stessa le manifestazioni carnali di chi commenta senza sapere, e posta senza leggere e legge senza capire.

non mi va di entrare nel merito della vicenda perché essa non ha merito, se non quello di averci fatto passare, come sempre, almeno agli occhi dei nostri cugini francesi mangiabaguette e antipatici, per quelli che si ritrovano sotto Palazzo Venezia entusiasti per osannare e poi a Piazzale Loreto per impiccare. perché questo è il rischio quando non si riesce a pensare con la propria testa perché obnubilati dal sentimento patriottico o religioso che sia fa lo stesso, il rischio è di non capire il senso, e soprattutto il LIMITE, perché a ragionare di pancia si rischia di finire nella merda.

perdonate se sono così dura. d’altra parte mi è parso di capire che le provocazioni, per molti di voi, restano lettera muta.

 

 

Annunci

8 pensieri su “libertà a intermittenza

  1. Ineccepibile mia cara. Ogni volta che scoppia un flame così mi riprometto di starne fuori poi ci ricasco e ogni volta mi chiedo che senso abbia mantenere attivo il mio profilo Fb

    Mi piace

  2. Nemmeno io fui je suis charlie prima e di certo non faccio l’indignato ora. Tra l’altro chi si straccia le vesti urlando per l’offesa ai morti non ha capito un cazzo ne della vignetta ne della satira e sopratutto di quella libertà di cui si riempiono tutti la bocca senza comprenderne la vera essenza. Per inciso la vignetta non colpiva i morti ma il sistema che ha permesso che morissero e che, come per l’aquila e per tante altre cose italiche permette a tanti di mangiare strato dopo strato come se fosse una lasagna commerciale. Ma gli stolti invece di guardare la luna ovviamente guardano il dito e stolti resteranno sempre.

    Mi piace

  3. domanda fuori luogo: ma perché, invece d’indignarsi ogni santo giorno che il cièlo manda in terra, le persone non pensano piuttosto a zappare la terra, andare al cinematografo o, se pure si vuole, accoppiarsi more uxorio?
    Così, peraltro, eviterebbero di scrivere o, che è peggio, di pensare

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...