“brutto” (capitolo 1)

oggi il politically correct ci impone di non avanzare mai giudizi estetici. guai dichiarare sui social: sei brutto. ti si mangiano vivo come quando ti permetti di ragionare ad alta voce sulle banalità che digitano. salvo poi lasciare che chiunque altro selezioni personale e collaboratori, femmine, attraverso età e bellezza. lo fanno perfino gli studi legali: cercasi segretaria anche primo pel… hem, pardon, primo impiego. richiesto bell’aspetto, max 30 anni.

perfino in ambito editoriale, dove dovrebbero contare soltanto contenuti e parole, e che per vendere cerca invece autrici “bone” e sempre più giovani, come il caso di Sofia Viscardi, che a chiamarla “autrice” si esagera un attimo, ma che su “La Lettura” è definita tale, in barba alla Yourcenar o alla Morante, e a tutte le altre che si fanno un culo tanto (perdonate l’eufemismo) per scrivere romanzi sensati, ma senza arrivare a niente, nemmeno a due complimenti formali, e  quindi complimenti vivissimi al Corriere della Sera, sempre più terra terra,  che ha tediato lettori forti come mia madre, che giura non spenderà mai più 50 centesimi per leggere ben TRE pagine di risposte per lo più cretine a domande intelligenti. quanto avranno dato a Giulio Giorello, filosofo epistemologo italiano, per fare domande intelligenti a una che non sa rispondere e però vende 40 mila copie di un romanzetto del cazzo di cui tra un anno non si avrà più traccia?

ma la volete finire o no? perché gli “intellettuali” anziché vendersi per pochi (o molti) denari non la piantano di fare i servi e si mettono invece al servizio della Cultura? perché se io dico che questa è bassa cultura, sono invidiosa, se lo dice Giorello magari conta di più? parole al vento. invidia?, no, è editoria del cazzo,signori miei. marketing del cazzo. commercio del cazzo. che ancora una volta ci umilia perché non super bone, perché non super alte, perché non super oche.

il marketing punta tutto sui giovani. la madre rinuncerà, per accontentare la figliola, a comprare l’ultimo successo cagato stavolta dalla puritana LONGANESI, che fino a tre anni fa rifiutava qualunque trama avesse eros, (anche la mia Justine 2.0 http://www.inkedizioni.com/justine-2-0/) e che ora, non contenta del seriale Camilleri, si abbassa al plot statunitense in salsa sado maso soft  con un’altra trilogia piena di falsità e di “riempitivi di trama”, come l’ultima  “Maestra” (qui le PESSIME recensioni dei lettori http://www.anobii.com/books/Maestra/9788830444430/01b063b4be65bf353f e qui lo ZERO DI d’Orrico http://www.corriere.it/la-lettura/lapagella/notizie/pagella-d-orrico-maestra-lisa-hilton-recensione-c1d73eda-21c1-11e6-91cf-0087f336776f.shtml), cazzarola, il titolo è già tutta una suspance. pompato anche dalla Gruber, brava!, ottimo!
il prossimo, che ne dite, magari s’intitolerà: “Allieva”, e racconterà di una donna piena di pregi che si libera dal maschio ingombrante?

è vero, come mi ha scritto un editore pusillanime, “Pioggia Dorata” per voi sarà sempre troppo. perché sono racconti che parlano di gente normale e vera, mentre a voi serve la falsità edulcorata made in U.S.A. per evitare di pensare alle vere ipocrisie delle coppie vere, quelle che vanno in chiesa la domenica e che poi pagano minorenni per farci sesso assieme. o che non ce la fanno, e sperano che il proprio coniuge si addormenti, perché il sesso vero è anche così. e la scrittura dovrebbe raccontare verità.

a fanculo, con il cuore.

Annunci

9 pensieri su ““brutto” (capitolo 1)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...