libere ma in catene

oggi mi chiama L. e mi racconta una storia triste triste, la propria giornata di donna d’affari che corre dall’estetista dopo un consiglio di amministrazione fiume perché il suo uomo la vuole sempre perfettamente depilata, anche quando non si degna di andare “laggiù” a vedere come sta e se ha bisogno di un po’ di compagnia; di lei che arriva da Carla l’estetista che sono già le sette, e visto che c’è si fa scorticare anche le ascelle e quel po’ di peluria che ha sul viso, che corre poi al supermercato provvidenzialmente ancora aperto per fare la spesa, che torna a casa dall’altra parte della città e s’infila sotto la doccia, che in tuta da ginnastica porta giù il boxer del marito che invece non è ancora tornato e che poi si sbatte davanti alla TV.
L. mi dice che quando lui torna lei dorme davanti alla TV accesa, che è mezzanotte e lui nemmeno l’ha chiamata per dirle che avrebbe tardato: perché non lo hai fatto te? le dice con il suo fastidioso accento milanese.

ecco, la mia amica non si domanda cosa faccia suo marito fuori fino a mezzanotte, o perché la prenda soltanto una volta al mese, e per non più di dieci minuti compresi i preliminari, e che con la scusa dei problemi prostatici del cazzo eiacula come un tredicenne la prima volta.
L. pensa ci sia qualcosa in lei che non va.
Che quindici anni di matrimonio sono un bel numero e che dopo la menopausa si è appesantita.
L. non sa che suo marito è uno di quelli che accompagna la testa della segretaria sotto la scrivania ordinandole di succhiarglielo.
no, con L. non l’ha fatto mai.
perché suo marito la rispetta. è perciò che lo chiede alle altre.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...