in castigo faccia al muro

anche quelli degli anni settanta erano settari e parlavano per slogan. quando Mara, la Prof di ginnasio, mi domandò come mai non fossi ancora iscritta alla FGCI,  tutti si voltarono a guardarmi, l’espressione scettica di chi sapeva quanto fossi allergica alla comunità, troppo distante dalla lotta e da quel fare assieme che genera competizione e livori trasversali. pensavo ai libri, ai ragazzi, al teatro, e certo se non vestivo come loro, o non partecipavo alle iniziative che loro indicavano, o pomiciavo con qualcuno non fosse della truppa, mi mettevano all’angolo.

la mia esistenza è piena di angoli bui dove ho sostato in castigo, guardando il muro.
odio i muri e i branchi. sono un’individualista che si unisce alle lotte che ritiene giuste di volta in volta, senza apporre firme con il sangue a coalizioni o sette, comprese quelle religiose che cantano formule magiche per trovare parcheggio.
loro si sentono fortunati ad aver capito tutto, come certi di oggi, che credono che il loro comico leader li porterà fuori dal pozzo nero mentre il pozzo sono loro, la mancanza di parole, la testa piena di slogan, l’assenza di idee, l’incapacità dialettica. la convinzione propria degli idioti a essere in assoluto dalla parte della ragione.

la mia fede si trova sempre dove alberga il massimo dubbio. lì dove nessuno ha certezze. come nella scrittura, che mi sorprende rivelando successi mondiali là dov’è il nulla e flop apocalittici per ottime storie.

così loro attaccano, sfottono, dileggiano usando acronimi e scrivendo il “chi” con la “kappa”, il “non” contratto in due “n” che colpiscono come pallottole la mia tensione alla perfezione, al buon senso, al rispetto per le diversità. e siamo a un passo dal totalitarismo, perché “patriottismo è amare la propria gente; nazionalismo è odiare gli altri” come scriveva Romain Gary, e loro odiano chiunque non ripeta, ottusamente, gli slogan prescritti dai capi.
meglio il muro.

Advertisements

2 pensieri su “in castigo faccia al muro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...