Lara e le emoticon

ho rivisto Lara, la scambista fragile conosciuta per caso in Metro.
stavolta è venuta lei a trovarmi qui al lago. ha insistito. le ho detto che non sto scrivendo un libro su di lei, che però la sua storia m’ispira, che in qualche modo anzi la sto sfruttando, che comunque se dovessi usarla glielo direi.

lei mi ha preso la mano e mi ha guardata negli occhi: pensi che non so cosa vuol dire “essere sfruttata”?
ha le mani gelide, le unghie posticce che mi fanno sempre una strana impressione, mi parla e non trovo il coraggio di sfilare le mie dita dalle sue. ha bisogno di torturare qualcosa mentre racconta la sua infanzia tradita, e poi di lui, del suo Pà, Paolo, suo marito, quello che le ha insegnato che la violenza consenziente può essere una via per guadagnare bene, e che la sua resistenza al dolore è un pregio.

le ho domandato se il dolore le piace, mi ha risposto che preferisce le carezze. mi è venuto spontaneo passarle una mano sul viso.
se avessi soldi l’adotterei. mi piacerebbe portarla a casa e insegnarle tutto ciò che so, toglierle dalla testa quegli orrendi colpi di sole e farle fare un taglio che esalti i suoi tratti.
ha la pelle di una ventenne che mangia male, ma Lara ha qualcosa che quasi nessuno ha più, la capacità di sapere dove si trova e dove può arrivare: non più in là di qualche metro.

nun me piace studià. dice disgustata all’idea, mentre prendo alcuni volumi dalla mia libreria. si tratta di Marcovaldo, Le mille e una notte e le fiabe di Andersen.
le dico che non si tratta di studio, ma di viaggi particolari. fa una battuta sui treni, poi mi racconta una barzelletta, ride come una bambina.
prende dalle mie mani un volume e inizia a sillabare con fatica. alla fine del periodo mi fa: ma nun se pò avé qualche figura?

va via. la guardo salire sul treno e mi domando se la rivedrò.
il treno parte e dopo nemmeno un minuto arriva il bip.
sono le sue emoticon: che è sempre mejo che parlà.

qui il mio ultimo romanzo

Advertisements

Un pensiero su “Lara e le emoticon

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...