Laura e Paola

è ovvio che non avevo intenzione di vedere lo show, così come non scrivo mai di televisione.
odio i varietà del venerdì sera.
infatti ho preferito Crozza. poi ho fatto zapping e son rimasta su RAI 1 a guardare loro due che ovviamente sono bravissime, Pausini e Cortellesi sono le professioniste che tutti conosciamo, e poi finalmente donne, viva dio.

bello lo studio, ricca l’orchestra, che è sempre una gioia ascoltarla dal vivo anche se non è quella di Pirazzoli (ma io sono di parte), bravi gli ospiti, ben scelti, e infine il pubblico, giovane, troppo, così sguaiatamente chiassoso e forzatamente divertito da sembrare messo lì apposta dalla regia e dagli autori, dotato di sorrisi da giovani entusiasti con denti perfettamente incapsulati come si usa ora, i capelli perfetti, bello, felice da morire di trovarsi lì, come le emoticon dei social, con lacrimoni e risate a crepapelle.

e infine giù, fin nell’inferno dei #social, perché è lì che si svolge il vero Show, nella cloaca del pubblico da casa costretto a pagare il canone; tra loro, il 70% di analfabeti di cui parla il linguista Tullio De Mauro, la massa urlante e votante che sa leggere e scrivere ma non comprende il senso di un paragrafo intero di un libro, che giudica l’esistenza in base alla propria esperienza e non a una valutazione oggettiva della realtà; eccomi gettata dagli autori nell’inferno degli hashtag e delle classifiche, tra gli insulti di chi la pensa diversamente e l’arroganza di chi vuole a ogni costo aver ragione. tra gli epiteti tiepidi contro i costumisti all’invocazione della pena di morte, eccomi a fare il tifo per una o per l’altra protagonista, mentre fanno il solito giochetto della coppia in disaccordo, del contrasto, del boicottaggio di una a favore dell’altra visto e rivisto, pensiamo a Ric e Gian, a Sandra e Raimondo, a qualsiasi Show che si rispetti.

e il pubblico laggiù diventa il termometro della celebrità, sì, quello analfabeta che vota, finalmente protagonista della storia l’unico a decidere chi deve vivere e chi morire. se la Pausini deve rifarsi e denti oppure no, perché per il giovane asino un difetto non è un elemento di perfetta diversità.

Annunci

3 pensieri su “Laura e Paola

  1. Bravissime Laura e Paola! Ho visto solo l’ultima mezz’ora, dal trio con Noemi, mi sono divertito tantissimo! Perché ti sei voluta rovinare il gusto con i social? C’è gente assurda!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...