cintura di castità

cos’ha pensato la donna padovana prima di fabbricarsi da sola la cintura di castità?
in che razza di mondo viviamo, soprattutto, e quanto siamo soli, e quanto siamo diventati feroci per non accorgerci della paura generata nei nostri simili da certe notizie?
ossessionata dall’idea delle violenze sessuali, recita il “Gazzettino”, la donna si sarebbe fabbricata una cintura di castità con un guanto di ferro da macellaio e delle cinghie, poi l’ha indossata, infine, avendo perso il lucchetto, è corsa dai vigili del fuoco per farsi liberare.

è un gesto estremo che dovrebbe farci riflette, e forse non ci sarebbe nemmeno da ridere, non fosse che siamo abituati a sbranarci quotidianamente sui social e fuori. tra partite IVA vessate dalle tasse e prive di tutele che vorrebbero vedere gli impiegati statali licenziati in tronco, così per sfizio, jazzisti contro rokkettari in lutto, persone libere contro schivi della religione, renziani e pentastellati che si litigano il trofeo dell’illegalità, moltitudini di frustrazioni in fuga da un’esistenza piatta alla ricerca della celebrità.

e tutto questo guerreggiare inutile, la ribellione, che ci porta via un mucchio di tempo ed energie, avviene su un social network così puritano da CENSURARE profili, foto di donne che allattano, la copertina dell’Espresso (http://espresso.repubblica.it/attualita/2016/01/15/news/facebook-censura-l-espresso-e-il-corpo-delle-donne-1.246889): ma quanto è più raccapricciante la foto di un bambino morto o di un profugo in fuga?

a questo dovremmo ribellarci.
al collare di terrore che ancora una volta gli alleati ci hanno stretto al collo.
alla catena digitale che ci rende consumatori affidabili dei loro prodotti.
al bigottismo di Zuckemberg e di Amazon.
al software cui di fatto confessiamo ogni cosa, cui diamo da custodire le nostre foto e le nostre relazioni più segrete.

dovremmo ribellarci all’angoscia con cui vediamo il nostro futuro e viviamo il presente, alla finta relazione che abbiamo instaurato con il mondo, a uno strumento di comunicazione tra i più potenti che ci rende ogni giorno più estranei a noi stessi.

Annunci

3 pensieri su “cintura di castità

  1. La censura non dovrebbe esistere ed invece non solo esiste ma è ormai ampiamente usata proprio da coloro che si dicono paladini della libertà. La verità è che tutti dovrebbero riflettere sui loro comportamenti e ammettere che si è tutti un po’ colpevoli.Je suis foutu…

    Liked by 1 persona

  2. Tutti contro tutti! E così sia, nel mondo globalizzato. La signora potrebbe brevettare il modello e venderlo a Colonia l’anno prossimo, farebbe fortuna. Ma chi ha passato la notizia alla stampa, il pompiere?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...