gli addii non hanno titolo

oggi non ti ho detto che sono stata immensamente felice che tu abbia chiesto di me, né che pensavo mi sarebbe mancato il coraggio di entrare nella tua stanza. è che di fronte all’agonia mi sento impotente.
vorrei dirti di non tornare indietro. il che non significa che non desideri con tutta me stessa di sentire ancora il tuo abbraccio che leva il fiato, o la tua risata, rara, che ho visto animarti il viso ormai trasfigurato dalla morte quando mi hai finalmente riconosciuta.
vai avanti e non fermarti, tanto qui fa tutto abbastanza schifo, tanto ci arriveremo tutti all’abisso, e che sia un binario morto o una linea superveloce per il paradiso dei giusti è una cosa che non deve preoccuparci.
nella tua valigia di cose essenziali hai messo anche me. Nella mia, nonostante i lunghi anni di voluta separazione, tu ci sei sempre stata. un grillo parlante dai poteri soprannaturali di veggente, lo sguardo intelligente e cinico che veglia su di me e sugli errori che continuo a fare.
vai avanti e non ti voltare indietro, la forza non ti è mai mancata.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...