la nave di Teseo

inutile che mi soffermi sul nome, è brutto. sì, sì, certo, la mia è invidia, è vero, non ho mai avuto problemi a esternare i miei sentimenti. sono invidiosa di tutti e di tutte quelli e quelle che pubblicano meglio di me, che sono più belle di me, che hanno più soldi di me. va bene adesso?, contenti?, soddisfatti dello “gne gne gne” quotidiano?  anche perché l’invidia è una roba che se non la sfoghi subito poi ti scoppia dentro, come la pipì. per rimanere in tema di Pioggia Dorata.

ciò che comunque mi ha fatto scoppiare a ridere in piena notte,  è l’annuncio quotidiano, da parte dei nostri nomoni letterari, della propria impavida fuga dalla terra ferma mondadoriana verso la nuova flotta. la scelta importante, propagata dall’intellettuale tramite post su FB o trafiletto su settimanale, della propria coraggiosa decisione a salpare con il “nuovo che avanza” verso il nuovo che li attende è ciò che aspettavamo da anni. l’abbandono del colosso, che chissà se avrebbero lasciato mai non avessero trovato un nuovo polo ben fornito di quattrini disposto ad accoglierli, è per noi condannati al girone degli editori indipendenti, motivo di gaudio e incontenibile gioia.

spesso data dagli stessi autori, come fossimo tutti lì in attesa di ascoltare il loro nome pronunciato dall’addetto all’imbarco, la notizia giunge alle nostre rive desolate, e ai nostri porti poco frequentati di scrittori senza agente, come un monito quotidiano. i pesci grossi si portano dietro i piccoli presentandoli all’esiguo pubblico di lettori, e a quello enorme di scrittori, come promesse certe di una nuova letteratura. una condanna per tutti quelli che rimangono a terra, e che io, sadica, voglio immaginare attaccati al telefono, depressi, bivaccanti davanti al portone della casa editrice in attesa di una chiamata di Teseo.

 

Annunci

3 pensieri su “la nave di Teseo

  1. Come mi capita puntualmente da diversi anni a questa parte, queste notizie, che dovrebbero annunciare il risorgimento del panorama culturale nostrano, mi inquietano non poco, rivedendo l’arredarsi dell’ennesimo salotto buono.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...