silenzio per Parigi

quando ieri notte mi è arrivato il suo messaggio stavo leggendo: tesoro, a Parigi sta succedendo il casino vero. ho pensato all’11 settembre. e quando succedono queste cose non posso far altro che accendere candele, lasciare spazio alle vittime, ai loro parenti, ai loro amici, al loro pianto che potrebbe essere anche il mio, perché in questa guerra che ci riguarda tutti si colpisce a caso, si spara a sangue freddo e ovunque, specie nei luoghi di cultura.

non posso strumentalizzare la morte per accumulare consensi, con la scusa di far parte del “tutto” non me la sento di tradurre in misera poesia le mie inutili parole. non si può ironizzare su una tragedia come questa, e non si può neppure parlare d’altro, o leggere altro. stamattina, quando ho aperto gli occhi mi sono domandata se non fosse tutto un incubo.

oggi per me è lutto. oggi scelgo il silenzio e la riflessione, non l’isteria di chi vuole mostrarsi, la tuttologia di chi vuole spiegarci come va il mondo, l’odio di chi non capisce un cazzo, la finta compassione di chi poi nel pomeriggio uscirà a far compere da Calzedonia.

lascio spazio al silenzio. l’unico che in questi casi può parlare. lo stesso che c’è per le strade silenziose della capitale francese, dove chi può non esce.

domani scenderò in Piazza anch’io. lascio questo post it soltanto per ricordare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...