scritto bene=bello?

lui, il mio amico, sostiene che se un testo è ben scritto e si lascia leggere, significa che è oggettivamente un bel libro. e un bel libro, sempre a suo parere, deve piacere a tutti.

gli ho portato l’esempio di Saramago. L’uomo duplicato io l’ho amato alla follia e letto in meno di quattro giorni, tanto da regalarlo e sponsorizzarlo in giro.  eppure una mia amica piena di lauree e master per il mondo, non è riuscita ad andare oltre la cinquantesima pagina. significa forse che Saramago non scrive bene? che la mia amica è un po’ tonta?, o che la correttezza della scrittura è una questione oggettiva, mentre la bellezza di un’opera non lo è?

iniziamo dicendo l’ovvio, che una buona scrittura significa correttezza grammaticale, che non è un’opinione, quindi l’uso  corretto degli accenti, (e a tal proposito vi prego, blogger, evitate di dichiararvi scrittori riempiendo le vostre paginette di “né” senza cappellino, i refusi ci stanno, sono umani, ma non gli errori reiterati), perché la scrittura è RIGORE, una ricerca accurata di termini, ritmo, profondità. è fantasia!, di cui nessuno più parla ma che sarebbe basilare per uno scrittore.
in Mauro Covacich per esempio, dal quale vi garantisco c’è moltissimo da imparare, e che ha una scrittura personalissima, ho trovato la profondità abissale in un linguaggio apparentemente semplice.
l’emozione, almeno per me, non sta quasi mai nella storia, ma nelle immagini che la parola riesce a evocare, come nel ritmo determinato dalla musicalità delle parole e dalla costruzione del periodo.
“La nera schiena del tempo”, per esempio, immagine che Javier Marias utilizza spesso, ha toccato in me delle corde profonde, ma sicuramente ha un significato differente sia per lui che ha scritto quelle parole, sia per chiunque altro le legga.

direi quindi che tutti siamo scrittori ma non tutti siamo SCRITTORI PROFESSIONISTI.
questa netta separazione che Murakami opera tra lo “scrittore professionista” e lo “scrittore e basta” potrebbe bastare affinché ognuno occupi il posto che gli compete. il primo, lo scrittore professionista, è in grado di fare un buon editing al proprio scritto e a quello di altri. ha la capacità di scrivere più di un romanzo e che non sia soltanto la propria autobiografia, il primo ha dei progetti, non butta giù un po’ di righe per il gusto di farlo. e direi anche che lo scrittore professionista conosce la differenza tra un testo ben scritto e un una bella opera.
leggo romanzi ben scritti ma che non fosse per lavoro non leggerei mai. privi di personalità, costruiti ad hoc su manualetti made in U.S.A. e niente sorprendenti.
leggo bei romanzi, quelli che il 70% dei miei amici definirebbero “mattoni pieni di pippe mentali” (le pippe mentali sarebbero le digressioni), e sono quelli che rileggo nel tempo, e dopo anni mi fanno lo stesso effetto, e sono ACCURATI, lirici, eterni.
ma per fortuna siamo diversi. anche se poi abbiamo tutti la pretesa di scrivere capolavori, mentre basterebbe un po’ di sana ambizione e senso critico, perché ognuno tornasse tranquillo a far ciò che gli compete.

12 pensieri su “scritto bene=bello?

  1. Io da lettore non guardo tanto la costruzione delle frasi o lo stile. Quello che mi fa giudicare positivamente un libro è quanto mi rimane dopo. Alcuni libri, anche capolavori, non mi hanno lasciato nulla mentre altri mi hanno riempito come un cannolo! Poi ovvio che se scrivessero di proprio pugno Alberto Tomba o Trapattoni, per quanta simpatia possa aver per loro dubito che arriverebbero a far 10 frasi corrette 😁😁😁

    Piace a 1 persona

    • hai lo stesso punto di vista del mio amico. diciamo che per me, che bazzico da anni il Giappone, contenuto e forma devono coincidere. un buon contenuto in una forma impersonale rimane un contenuto impersonale.

      "Mi piace"

      • I Giapponesi per certi versi sono ammirevoli eppure spesso anche i loro contenuti formalmente perfetti nascondono magagne degne della peggiore italia!Comunque capisco quel che vuoi dire anche se una volta tanto non sono d’accordo!

        "Mi piace"

      • non parlo della politica, parlo della gente comune. non dimentichiamo il tecnico della centrale nucleare che praticamente s’immolò per salvare il salvabile. ti garantisco che le magagne in Giappone le trovi soltanto nelle alte sfere. io che ci sono andata spesso posso garantirti che c’è un clima ben diverso che qui in occidente. tanto per cominciare le persone parlano a bassa voce. che è già tanto. ogni volta che atterro a Fiumicino la sensazione è di tornare in una giungla.

        Piace a 1 persona

      • Come ho detto trovo ammirevole molto della loro cultura! E ne sono anche affascinato! Ma ho imparato che non sempre è tutto oro quel che luccica! Sicuramente però hai ragione sul fatto che il nostro senso del comune è decisamente pessimo!

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...