L’AMACA del 22/07/2015 (Michele Serra)

Triskel182

LEGGO il bel reportage di Jenner Meletti sul Po in secca (“Repubblica” di ieri) mentre le autobotti cariche d’acqua, in Appennino, venti chilometri a sud del grande fiume, vanno e vengono a riempire i pozzi e le cisterne vuote. Adesso che l’acqua è poca e preziosa torna in mente, con una certa angoscia, lo scialo dei mesi scorsi, i fiumi di pioggia che precipitano liberi dai crinali poco o affatto canalizzati, provocando frane e smottamenti. Milioni di metri cubi d’acqua che, se fossero imbrigliati e trattenuti, convogliati e governati, ora renderebbero la grande sete molto meno gravosa e la campagna meno arida.

View original post 143 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...