la rogna della settimana

quindi ricapitoliamo.
sui social non si parla certamente di come un imprenditore arrivi a portare una pistola in Tribunale e a sparare, di cosa lo abbia ridotto alla follia, o del perché volesse “diventare ricco”, ma di come mai Tea Falco con patata in bocca sia arrivata a recitare in televisione.
credo grazie a Bertolucci e a Carlo Verdone, intanto.
e comunque non è l’unica a usurpare un posto non suo.
vogliamo fare l’elenco?
meglio di no.

comunque fa piacere che da grandi esperti di arte recitativa vi siate finalmente accorti, e perciò abbiate protestato belando in coro, che il nostro cinema non ha più grandi interpreti.
se non sbaglio per il 70% siete fan della De Filippi e non di De Filippo.
se non erro il teatro italiano ha un pubblico così esiguo da essere prossimo al naufragio.

ma che anche per le serie tivù siam messi male qualcuno lo ha notato?, che va bene il plot ad alta tensione ma Kevin Spacey in House of Cards ha soltanto due espressioni se n’è accorto nessuno?
no, è chiaro.
anzi è probabile che l’ottanta per cento abbia tremato di piacere nell’ultima puntata della serie.
è ovvio che alle critichesse blogger senza arte né parte balzi agli occhi la patata in bocca della bella Falco e non l’espressione immobile di Accorsi.
siamo sempre allo stesso punto.
poi però postano scarpe rosse contro la violenza di genere.
poi rompono il cazzo con vetero femminismo sì vetero femminismo no, puttana no sex worker sì. pompini sì pompini no.

io proverei con un po’ di obiettività di tanto in tanto.
e magari con qualche lettura serale se la televisione v’indigna.
o forse il gusto è proprio lì, nel demolire il prossimo.

7 pensieri su “la rogna della settimana

  1. Su Agon Channel tutti i giorni alle 13 c’è “Quello che le donne non dicono”, talk show al femminile condotto da Monica Setta: ogni giorno ci sono 2 ospiti che si confrontano.

    "Mi piace"

    • non guardo la televisione (strano non si sia capito) né soprattutto certi programmi con presunti esperti. che orrore! Il peggio della nostra modernità: parlare assieme dei cazzi degli altri.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...