cosa rimane

di noi resteranno omissioni e bugie, quelle svelate in un incontro casuale magari a vent’anni dalla nostra dipartita. forse ci sarà qualcuno a pronunciare il nostro nome, a recitare versi scritti e lasciati nel cassetto, a scandire le nostre parole, spesso povere, impubblicabili. se avremo qui qualcuno che ci somiglia pure, che la penserà proprio come noi, che racconterà di noi di quel giorno strano, dell’eclissi e del terremoto, del gesto eroico compiuto.
in realtà soltanto pensato.
le memorie mentono.
i vivi sorridono al miglior ricordo che hanno di noi e a una vita come tante, piccola, talvolta invisibile ma sempre preziosa.

ci illudiamo di appartenere all’eterno.
proviamo a lasciare una traccia e a incidere sulla realtà senza accorgerci che l’attimo, proprio quello che avevamo giurato di non lasciarci sfuggire, se n’è andato per sempre. assieme al ricordo di un bacio in pineta, e la radio che suonava “Tu dimmi quando quando…”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...