Cunilingus

Non ho mai amato chi non cambia. Chi porta la stessa pettinatura da quando nasce a quando muore. Chi veste sempre più o meno uguale, ascolta la stessa musica, legge da una vita gli stessi libri e dichiara di non aver mai avuto amanti.
A proposito di amanti: tra la serie Master of sex e la “nina mala” di Vargas Llosa, a più di quarant’anni vengo a scoprire che tutti gli uomini poco inclini al cunilingus li ho incontrati io.
A parte il mio ex marito che però se le scopava proprio tutte. E non so se sia preferibile un uomo che te la lecca con tanto amore e che con lo stesso amore lo fa ad altre dieci, o uno con poca fantasia ma fedele.
Forse il primo. D’altra parte la fedeltà non è di questo mondo, soprattutto oggi, dove se ti distrai un attimo, anche soltanto per pagare il biglietto del tram, c’è qualcuna pronta a cedergli grazie e favori. Sempre solo a lui e mai a me.

Comunque dubito siano tutti così bravi con la lingua. Llosa è uomo di vecchia generazione. E forse anche gli autori di Master of sex sono maschi.
Resto ferma nell’idea che, nonostante scrittori e scrittrici nostrani ci descrivano con tanta cura e poca grazia l’anatomia dei nostri genitali -pagine e pagine di prepuzi- credo che la maggior parte di noi si annoi a morte. Sia a leggerle certe storie che a viverle.

Oggi il sole splende.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...